Plugin per WordPress. Quali scegliere ed installare e quelli da evitare

Oggi parleremo dei plugin per wordpress. Una volta installato l’applicativo abbiamo solo uno spazio dove possiamo mettere tutto ciò che ci passa per la testa, ma se volessimo mettere, per esempio, una galleria fotografica con le immagini che scorrono? La soluzione più semplice, e più ovvia, sarebbe quella di installare un plugin, che altro non sono dei piccoli “programmi” che servono per migliorare il sito e renderlo adatto alle nostre esigenze. Attualmente su questo sito, borgagne.it sono installati solo quattro plugin. In primis quel maledetto plugin per l’accettazione dei cookies, per essere in linea con la normativa europea e che troverete su tutti i siti. Noi usiamo eu-cookie-law, in realtà è quello che usiamo su tutti i siti da noi creati. E’ una iattura per la navigazione e ancora peggio quando dopo aver accettato si aprono quei link pubblicitari che non si chiudono neanche con la raccomandazione.

Quando installate wordpress ci sono plugin già installati e uno di questi è Akismet insieme a Hello Dolly. Il primo, Akismet è fondamentale per non ritrovarci il sito pieno di spam, di messaggi non richiesti, l’abbonamento è gratuito ma se volete si può anche comprare e non è molto esoso. E’ consigliabile usare questo plugin o simili per evitare penalizzazioni da parte di google. Hello Dolly invece si può tranquillamente cancellare. Gli altri due plugin installati su borgagne.it sono Google Analytics Counter Tracker Yoast SEO. Il primo è un semplice contatore di statistiche che si aggancia a google analytics e che ci permette di capire se stiamo facendo un buon lavoro e se soprattutto oltre a noi, che entriamo e usciamo, entra anche nuovo visitatore. Yoast SEO invece è un plugin per l’ottimizzazione per i motori di ricerca, permette la creazione di una sitemap e l’impostazioni di tanti “piccoli” accorgimenti che servono per una corretta scalata nei motori di ricerca.