Page Authority, cos’è, come funziona e chi lo ha inventato

In precedenti articoli abbiamo scritto di uno strumento importante e fondamentale per posizionare un sito. Con lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google è possibile sapere quanto una parola o un gruppo di parole vengano cercate su internet, su Google, nello specifico. Oggi vogliamo parlarvi dell’autorità che ogni sito si ritrova. Ci sono siti che hanno più autorevolezza di altri e i secondi devono costruirsela.

L’algoritmo del page Autority è un’invenzione di MOZ, azienda che dal 2004 si occupa di posizionamento SEO, consulenza internet, ecc., e misura, appunto, l’autorità che ogni sito ha su Google. Per misurare questo fattore ci sono due strade, una a pagamento l’altra gratuita tramite un piccolo strumento gratuito, fornito da MOZ e installabile su Firefox e Chrome, nel reparto componenti aggiuntivi.

Quanta autorità ha Facebook in questo “giochino” creato da MOZ? Considerando che il metro è da 1 a 100 il popolare social network ha come valore 81 su 100. Questo significa che è difficile posizionare un vostro sito con il termine Facebook in prima pagina, così com’è difficile posizionare un sito che si chiama Google che raggiunge un valore di “94”. Più è basso il PA (Page Authority) più facile è posizionare il nostro sito nel grande mare di internet. Per esempio, voglio ottimizzare borgotradizioni.it, nel precedente articolo avevamo detto che questo termine non generava ricerche e il sito del progetto ha un’autorità pari a 1 su 100, significa che non ha nessuna autorevolezza e la chiave di ricerca non la cerca nessuno e quindi il sito non ha alcun valore e che bisogna trovare altre chiavi di ricerca.

Borgagne.it invece ha un PA di 21 mentre la pagina wikipedia che tratta della piccola e dinamica frazione ha oltre il doppio (53), melendugno.net ha 31 e così via. Il PA si calcola grazie al numero di link presenti all’interno del sito, quanti link vanno verso questo sito specifico e quanto interesse genera il pubblico verso quel sito.  Gli ultimi tre fattori sono generalmente i principi che permettono ad un sito di scalare quei famosi 10 posti nella pagina di Google. Questo sito, per esempio, all’inizio di questa avventura, con “come posizionare un sito al primo posto”, termine di ricerca con il quale non lo avevo pensato sta scalando la classifica. Partito in sesta pagina, la settimana scorsa era in quinta pagina, ieri sera me lo sono ritrovato in terza pagina, al trentesimo posto. Oggi, 31 maggio lo stesso articolo è piazzato in terza pagina al 23esimo posto.

Nela prossima puntata parleremo di un altro aspetto della speciale classificazione di MOZ, il Domain Authority (DA).