Il sito “Masseria Costarella” cercato 110 volte al mese

Masseria Costarella è un struttura ricettiva a pochi km da Borgagne. Immersa nella campagna salentina la homepage del sito si apre con una veduta chiara di una struttura reale, esistente e dipinta di bianco per tenere fresche le stanze. Il sito è intestato a nome del proprietario della struttura. Registrato il 20 aprile 2007 anche se dopo quasi 10 anni di attività non è particolarmente appetibile per le classifiche di MOZ. Il sito registra mensilmente 110 ricerche e a luglio 2016 masseria costarella è stata cercata su Google ben 210 volte. Il sito masseriacostarella ha PA (Page authority) 19 e DA (Domain Authority) 9 è stato creato con CMS wordpress e si adatta perfettamente ai dispositivi mobili.

Analisi parole chiave

Il link building di masseria costarella è scarso e proviene quasi esclusivamente da directory italiane. Nei sorgenti della home non sono visibili keywords (parole chiave) e quindi dovremmo inventarne noi qualcuna o magari pescandole dal sito analizzato ieri, masseriacaliani.it.

vacanza salentina, quarta pagina, 33esimo posto;
Masserie in Salento, non pervenuto dopo la decima pagina;
Masserie Salento, non pervenuta dopo la decima pagina;
Masseria Lecce, settima pagina 66esimo posto.

Non è escluso, comunque, che masseria costarella sia ottimizzata per altre parole chiavi che noi non siamo riusciti a trovare. Ovviamente da questa speciale classifica è escluso il nome della struttura perchè il primo posto in prima pagina è assicurato nella ricerca organica di Google.

Analisi delle gallerie fotografiche

Spiace constatare che anche masseria costarella soffra dello stesso problema degli altri siti analizzati. Le foto dovrebbero avere un nome chiaro che indichi da dove provengano. MG_0024.jpg, la foto scelta come copertina di questo articolo, non potrà mai indicare a coloro che cercano per immagini che si tratta della facciata di masseria costarella. Noi questa foto l’abbiamo chiamata: masseria-costarella-facciata.jpg. Infine le foto sono troppo grandi. E’ vero, ormai tutti abbiamo una connessione veloce e performante, ma ogni tanto ridurre le foto non guasta, dato che la qualità e la bellezza dei luoghi non perde di interesse.

Francesco Cappello, 29 agosto 2016